Sono un installatore di caminetti e canne fumarie e volevo qualche informazione sulla responsabilità nell’installazione sia dei caminetti che delle canne fumarie, sui problemi e le specifiche tecniche.

La responsabilità nell’installazione delle canne fumarie o nei collegamenti alle canne fumarie sia di apparecchi per impianti termici che di caminetti, stufe, stufe a pellet, caldaie , etc. o per altri tipi di installazione è della Ditta installatrice.

Questa deve sempre consegnare le installazioni o gli impianti sicuri e conformi alle Leggi e alle norme tecniche in tutti i loro componenti e funzioni, come indicato dal codice civile e codice penale.

Ad esempio, nell’installazione di una caldaia a gas, la responsabilità globale dell’impianto (apparecchio + tubazione del gas + canna fumaria) è della ditta installatrice dell’apparecchio!

 

 

Codice civile art. 2050:

Chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di un’attività pericolosa, per sua natura o per la natura dei mezzi adoperati, è tenuto al risarcimento, se non prova di avere adottato tutte le misure idonee a evitare il danno.

Codice penale art. 40:

Non impedire un evento, che si ha l’obbligo giuridico di impedire, equivale a cagionarlo.

 

 

Il problema maggiore è la canna fumaria

Il problema maggiore nelle installazioni di generatori di calore per la ditta installatrice è spesso rappresentato dalla canna fumaria:

• sovente viene posata da altri, anche non aventi conoscenze impiantistiche; quasi sempre non si trova la relativa documentazione e/o certificati

• non si conoscono le caratteristiche tecniche della canna stessa

• è forse il componente più complesso dell’impianto, pur essendo un accessorio

• l’industria fornisce i prodotti a norma CE, ma spesso non informa sufficientemente la propria clientela sugli obblighi (prova di tenuta, targa fumi ecc.), e normalmente gli installatori non leggono le istruzioni di montaggio, perchè il rivenditore non le fornisce o perchè non lo reputano necessario.

 

La soluzione per i problemi di sicurezza e buon funzionamento degli apparecchi è solo una: eseguire i lavori secondo le norme.

Ogni canna fumaria installata o usata per la prima volta dopo il giugno 2005 (CPD +UNI EN 1443/05) deve essere dotata di una targa fumi che ne indica le caratteristiche tecniche, le generalità della ditta che l’ha installata e/o che ne risponde dell’esattezza delle indicazioni.

I commenti sono chiusi.